Recensione Viaggio Thailandia 2005

Bangkok e Koh Samui

Per l'anniversario del nostro matrimonio quell'anno volevamo organizzare qualcosa di speciale. Un bel viaggio romantico sarebbe stato perfetto. In passato, per varie ragioni, ci eravamo sempre orientati verso l'Ovest: America, Hawaii, Cuba, Caraibi etc. e quindi la scelta sembrava scontata. Poi, improvvisamente, nel Dicembre 2004, a causa della tragedia provocata dallo tsunami e delle terribili conseguenze che hanno commosso l'opinione pubblica e che tutti noi abbiamo vissuto intensamente man mano che i mass media ci sommergevano di immagini e notizie, la nostra attenzione, per la prima volta, e' stata attratta dall'estremo oriente. E allora: perche' non in Thailandia? Inizialmente abbiamo avuto un periodo di comprensibili dubbi e perplessita' sull'opportunita' o meno di andare in un luogo che era stato appena investito da una tale tragedia, a festeggiare accanto a gente che disperata piangeva la perdita di tutto.

Pero' alla fine abbiamo preso la nostra decisione provando a vedere la situazione sotto una diversa angolazione.

cartina thailandia

Anzi andare in quei luoghi l'abbiamo considerato come un nostro piccolo contributo per far rinascere la speranza nel futuro e per un ritorno alla normalita' di quelle popolazioni. Gia' da allora, senza saperlo, abbiamo cominciato ad amare la Thailandia, la sua gente e il suo stile di vita. E cosi' gia' all'inizio del 2005 abbiamo cominciato a programmare il nostro viaggio. Tanti contatti con persone che c'erano state, con agenzie di viaggi, lunghi pomeriggi e serate su Internet e finalmente ecco che ai primi di aprile, armati di bagagli e tanta voglia di partire ci ritroviamo a Malpensa alla volta della Thailandia. Il nostro volo parte alle 7:10, destinazione Bangkok dove ci saremmo fermati quattro giorni per proseguire poi verso Koh Samui. Scendendo all'aeroporto Don Muang, Bangkok ci ha salutato con i suoi 40 gradi e 95% di umidita'. ...da morire, ma anche questo ci e' piaciuto. Iniziava la ns vacanza in Thailandia. Sapute le nostre intenzioni e contagiati dal nostro entusiasmo due nostri amici hanno voluto unirsi a noi per festeggiare anche il loro anniversario. Cosi' avevamo prenotato via Internet due junior suites al 52° piano del Baiyoke Sky Hotel, il grattacielo piu' alto della Thailandia (...per festeggiare come si deve i nostri anniversari!). Avevamo anche prenotato (sempre via Internet) una limousine all'aeroporto, ma non l'abbiamo trovata e cosi' abbiamo preso uno dei van che stazionano normalmente fuori dall'aeroporto e con 600 bath in quattro ci siamo fatti portare in citta'. Un'ora di viaggio durante il quale abbiamo fatto conoscenza col primo violento acquazzone monsonico.

bangkok

Per noi era un diluvio, ma l'autista sosteneva che e' ...normale!!

L'hotel era un po' come dire ... 'retro', ma ci e' piaciuto. L'impressione un po' vissuta dell'hotel era comunque ben compensata dalle camere, molto ampie, pulite e ben arredate e dal welcome drink ed i fiori che ci hanno fatto trovare in camera (prenotando avevamo avvisato la Direzione dell'hotel del nostro anniversario). Probabilmente lo fanno con tutti, ma a noi piace pensare che ci abbiano trattato in modo un po' speciale!!! La stanchezza del viaggio si e' fatta sentire ma dopo una bella doccia siamo usciti nella baraonda umida, calda e rumorosa delle strade di Bangkok.Le strade erano ancora allagate ma finalmente il grande acquazzone era terminato!!!! Il Baiyoke Sky e' nella zona commerciale di Pratunam circondato da centinaia e centinaia di piccoli negozi dove vendono di tutto, ma il punto forte rimane l'abbigliamento che si puo' trovare a prezzi veramente stracciati tra i piu' bassi di Bangkok. Ci dirigiamo a piedi verso il World Trade Center e cosi'decidiamo di entrare per mangiare qualcosa......optiamo per un ristorante Giapponese per poterci gustare del buon sushi!!!!! Usciti andiamo al Pantip Plaza un grande centro commerciale di elettronica.... semplicemente fantastico!!!! Arriva sera siamo un po' distrutti, abbiamo camminato molto e cosi' decidiamo di rientrare in Hotel per riposarci un po'per poi andare a cena fuori zona Silom e un giro al famoso mercato di PatPong. L'indomani ci aspetta una giornata intensa vogliamo visitare i vari Wat il Grand Palace e poi andare al Lumphini Park per la serata. Dopo un buon breakfast al 62° piano dell'hotel, fantastico il buffet!!! Usciamo subito e' ancora presto...ma il caldo si fa gia' sentire, ci avevano avvisato che aprile era il mese piu' caldo in assoluto!!!! Andiamo verso la stazione dello Sky train, mezzo piu' veloce per attraversare Bangkok...scendiamo alla fermata piu' vicina alla zona del Grand Palace ma fa troppo caldo e cosi' prendiamo un taxi e ci facciamo accompagnare davanti all'ingresso. Eccoci siamo arrivati tutto e' cosi' grandioso, il Wat Phra Kaeo (Tempio del Buddha d'oro) e Grand Palace sono semplicemente meravigliosi.

Tempio del Buddha d'oro e Grand Palace

All'interno tutto e' di una bellezza stupefacente, guglie dorate e decorazioni sfavillanti. Entriamo nel bot per vedere il famoso Buddha di Smeraldo, una statua sacra, simbolo di potere e oggetto di culto. Ci fermiano al Phra Sri Rattana (Chedi d'Oro), visitiamo tutti i templi e gli edifici sacri per poi dirigerci verso il Grand Palace... il caldo ci stava sfinendo, ma avevamo ancora molto da vedere. Raggiungiamo a piedi il Wat Pho il grande Tempio del Buddha Dormiente. E' il piu' antico e grande complesso di templi di Bangkok, un insieme di bellissimi edifici religiosi, con numerosi chedi, contornati da splendidi giardini, un grandioso bot centrale dove e' alloggiato il grande Buddha dorato lungo ben 46 metri e alto 15 metri!!!! Veramente impressionante. Nel cortile del Wat ha sede la prima e piu' famosa scuola di massaggi thailandesi. Poiche' avevamo organizzato minuziosamente tutta la giornata ora ci aspettava la visita ad un altro Wat. Ed infatti attraversato il grande fiume Chao Phraya ci ritroviamo al cospetto del Wat Arun, il Tempio dell'Aurora: la stanchezza sta iniziando a farsi sentire, ma l'interesse per questi luoghi non ci consente di fermarci. Il gigantesco Prang alto 86 m costruito in tipico stile khmer, e' diventato un simbolo che identifica la stessa Bangkok. Al ritorno scendiamo dal traghetto alla stazione piu' vicina a Chinatown e ci incamminiamo tra le vie affollate piene di negozi dove si puo' trovare di tutto. Riusciamo a fare anche qui un po' di shopping e ci dirigiamo verso la fermata piu' vicina dello Sky train e ritorniamo in albergo. Stanchi ma veramente soddisfatti: avevamo visto dei luoghi fantastici!!! Ora una doccia veloce e poi a cena a Lumphini Park in un simpatico e caratteristico locale rigorosamente thai. Dopo cena abbiamo fatto quattro passi tra le bancarelle del mercato notturno. Il giorno seguente decidiamo di andare nella zona Siam a vedere i grandi centri commerciali e il famoso MBK, un labirinto su diversi piani dove si trovano abbigliamento e articoli vari a basso prezzo anche di marche famose. Da li con lo Sky train ci siamo portati all'estremo sud di Chinatown per vedere il famoso Buddha d'Oro all'interno del Wat Traimit. Ritornando verso il nostro albergo decidiamo di vedere anche la zona di Pratunam facendo un po' di shopping. Anche qui ci ritroviamo in un vero labirinto di vie e viuzze e piccoli negozi di ogni genere. E' difficile definire Pratunam! E' una via di mezzo tra un caotico grande centro commerciale ed allo stesso tempo un grande mercato. I prezzi qui sono tra i piu' bassi che si possono trovare a Bangkok. Poiche e' l'ultima sera a Bangkok e vogliamo festeggiarla noi 4 in una maniera un po' diversa, cerchiamo un negozio che vende liquori e ci compriamo una bottiglia di Champagne.... il migliore, e una volta tornati in albergo decidiamo di fare un bagno notturno nella piscina dell'hotel, al 12° piano, per poi stappare la bottiglia e brindare al nostro viaggio, al nostro anniversario ed alla Thailandia!!!! Ad un'ora indecente ci presentiamo nella bella sala ristorante del Baiyoke dove, tutti gentilissimi nonostante l'ora tarda, ci consentono di cenare e dopo cena, non contenti della giornata densissima, saliamo all'ultimo piano del grattacielo dove sulla piattaforma girevole possiamo ammirare Bangkok: una cosa fantastica che ci lascia senza parole. Finiamo la serata nel music pub dell'albergo beviamo qualcosa e riusciamo anche a ballare!!!! L'indomani di prima mattina si torna al Don Muang dove ci aspetta il volo con la Bangkok Airlines alla volta di Koh Samui. Il benvenuto l'isola di Kho Samui ce lo da' col suo graziosissimo aeroporto.

koh samui

Un piccolo insieme di capanni dai tetti di paglia che contornano le piste di atterraggio tra palmeti e profumi di fiori tropicali. Siamo proprio arrivati in Paradiso!!!!! Prendiamo un van che ci porta al Chaweng Resort dove avevamo prenotato via internet i primi tre giorni della nostra permanenza sull'isola. La nostra intenzione era infatti di noleggiare dei motorini per guardarci intorno ed eventualmente cambiare anche zona. A dire la verita' il Resort non ci ha fatto una grande impressione....ci e' parso un po' trascurato e anche la pulizia lasciava un po' a desiderare. In compenso il complesso era direttamente sulla bellissima spiaggia di Chaweng.

Chaweng Resort

Una tipica spiaggia esotica da cartolina!!!!! Il lato positivo del Resort e' che pur essendo in una zona tranquilla, era abbastanza vicino all'abitato di Chaweng con i suoi locali, ristoranti e negozi. Il giorno stesso del nostro arrivo, dopo un inevitabile bagno in un mare azzurro e insospettabilmente caldo.... veramente fantastico..., abbiamo noleggiato un motorino proprio di fronte al Resort (a 200 bath) e abbiamo cominciato a prendere confidenza con Koh Samui ....e con la guida a sinistra! Il giorno seguente decidiamo di cominciare a girare l'isola e intanto cercare anche un altro Resort. Cosi' ci dirigiamo a Sud verso Lamai e dopo pochi km ci fermiamo a Chaweng-Noi che avevamo letto essere la parte piu' bella di Chaweng. E infatti abbiamo potuto constatare che e' proprio cosi'. Non resistiamo quindi dal farci un bagno in quelle acque ancor piu' cristalline di quelle di Chaweng. Proseguiamo poi sempre verso Sud fino a quando, fermandoci ad una curva scorgiamo in lontananza, seminascosta dalla vegetazione, una splendida baia.....e cosi' decidiamo di visitarla. Si trattava della Thongtakian Bay conosciuta anche come Crystal Bay, una piccola ma graziosa baia dove due scogli racchiudono una spiaggia di un centinaio di metri di sabbia bianchissima delimitata da una folta piantagione di palme da cocco. Nell'insenatura sorgono tre piccoli resort e noi scegliamo di fermarci al Crystal Bay Resort dove due splendidi e nuovissimi bungalow fronte mare ci prendono molto. Contrattato un poco sul prezzo che concordiamo in 2000 baht al giorno col breakfast incluso, entusiasti prenotiamo qui per il resto del soggiorno. In effetti il prezzo di 3100 baht che pagavamo al Chaweng Resort erano decisamente troppi e poi qui era fantastico! Comunque la nostra permanenza a Chaweng e' stata piacevole, e anche dopo esserci trasferiti al Cristal le nostre serate le abbiamo passate per lo piu' a Chaweng. Durante la settimana successiva abbiamo girato l'isola in lungo ed in largo e alla sera ci siamo sbizzarriti con i vari ristoranti dell'isola: dal SalaThai Restaurant di Lamai (ce n'e' uno anche a Chaweng, ma a noi e' piaciuto di piu' quello di Lamai) all'ottimo Tamarind (all'interno dell'Impiana Resort) del quale ricordiamo ancora adesso il mitico basket di pesce e crostacei, al brasiliano Zicos', al Love Beach Restaurant di Chaweng Noi (dove abbiamo mangiato direttamente sulla spiaggia, al lume di candela delle favolose aragoste), al Hagi Japanese (all'interno del Central Resort) e poi a molti altri tipicamente thai. Nei giorni seguenti abbiamo fatto diverse escursioni: al Big Buddha, il grande Buddha dorato, una statua di 12 m che e' simbolo dell'isola, alle Hin Lad Waterfall nel centro dell'isola, alle rocce Hinta Hinyai tipiche formazioni rocciose che ricordano vagamente i genitali maschili e femminili, al Butterfly Garden ed alle numerose spiagge, da quella di Bophut a quella bellissima di Maenam alla spiaggia di Lamai che, dopo quella di Chaweng, e' la piu' popolare dell'isola. L'isola soffre di bassa marea, il cosiddetto low tide, in alcuni periodi dell'anno ed alcune coste dell'isola sono particolarmente esposte a questo fenomeno. Anche noi abbiamo potuto constatare, quando un giorno abbiamo effettuato il giro completo dell'isola in motorino, che vi sono alcune zone non balneabili e dove il mare e' melmoso ed anche l'odore non e' dei migliori. Naturalmente ci siamo anche concessi dei giorni di totale relax in questo favoriti dal tempo splendido, dalla favolosa posizione dei nostri bungalow e quindi... bagni di sole, bagni di mare e massaggi a gogo'.

tramonto koh samui

Indovinatissimo anche il periodo che ha coinciso con il Songkran Festival con cui dal 12° al 14° giorno di aprile viene festeggiato il capodanno thailandese. Il simbolo piu' importante e' l'acqua: ....e noi ce ne siamo accorti!!!! L'originario gesto simbolico di versare delicatamente sul capo un poco d'acqua oggi si e' trasformato in una vera seppur allegra battaglia d'acqua. Noi girando col motorino eravamo completamente inzuppati. Si puo' dire che tutti impazzivano con canne e secchiate d'acqua gelata e prima di rovesciarcela addosso ci facevano simpaticamente gli auguri di buon anno!!! Come tutte le belle cose anche questa vacanza e' finita, pero' questo piccolo paradiso, immerso nel verde delle distese di piantagioni di cocco, con strade non tutte asfaltate e con un'atmosfera quasi magica ci restera' sempre nel cuore e siamo certi che ci ritorneremo presto.

Bangkok e Koh Samui | Foto Bangkok e Foto Koh Samui | Recensione viaggio Bangkok e Koh Samui
Bangkok, Ayuthaya e Phuket | Foto Thailandia | Video Thailandia | Recensione viaggio Bangkok, Ayuthaya e Phuket
Cucina Thailandese | Hotel Koh Samui

© 2008 thailandia | tunisia | sharm el sheikh
Project & SEO by TwizzyWeb
Recensione viaggio Thailandia - Bangkok Koh Samui